Pizza di scarola veloce

Oggi condivido con voi una ricetta del cuore in versione sciuè sciuè la mitica Pizza di Scarola, un piatto che per il menù della Vigilia di Natale (e non solo) non può mancare!!!
Questa è la Pizza di Scarola veloce, senza lievitazione buona come quella classica napoletana che trovate qui.
L’impasto è senza lievito di birra ed è pronto in 1 minuto; molto più buono della classica brisèe, ha una consistenza morbida e saporita proprio come la classica.
Un guscio fragrante racchiude un ripieno di scarola appassita in padella con olive di Gaeta, pinoli, capperi; io amo aggiungere anche l’uvetta, c’è chi aggiunge anche le alici ma io preferisco ometterle per averla più leggera e digeribile. Potete servirla calda ma è perfetta anche servita a temperatura ambiente.
Ho realizzato per voi anche il VIDEO così sarà ancora più facile farla, preparatela e tutti prima faranno il bis e poi vi chiederanno la ricetta.

Altre ricette imperdibili:

 

Print Recipe
Pizza di scarole
La ricetta per realizzare in poco tempo una pizza di scarola senza lievitazione buona come quella classica napoletana. Impasto veloce senza lievito di birra.
Voti: 13
Valutazione: 3,31
You:
Rate this recipe!
Tempo di preparazione 30 minuti
Tempo di cottura 40 minuti
Porzioni
10 porzioni
Gli Ingredienti
  • 300 g di farina 00 o preferita
  • 140 g di acqua tiepida
  • 80 g di olio di semi di arachidi o preferito
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1/2 cucchiaino di zucchero
  • 1 cucchiaino di lievito istantaneo per torte salate
  • Per il Ripieno
  • 2 cespi di scarola liscia circa 600 g pulita
  • 5 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • 100 g olive nere di Gaeta
  • 1 cucchiaio di capperi
  • 2 spicchi di aglio
  • 2 cucchiai di pinoli tostati (15 g)
  • 1 cucchiaio uva sultanina (opzionale)
  • sale
Tempo di preparazione 30 minuti
Tempo di cottura 40 minuti
Porzioni
10 porzioni
Gli Ingredienti
  • 300 g di farina 00 o preferita
  • 140 g di acqua tiepida
  • 80 g di olio di semi di arachidi o preferito
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1/2 cucchiaino di zucchero
  • 1 cucchiaino di lievito istantaneo per torte salate
  • Per il Ripieno
  • 2 cespi di scarola liscia circa 600 g pulita
  • 5 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • 100 g olive nere di Gaeta
  • 1 cucchiaio di capperi
  • 2 spicchi di aglio
  • 2 cucchiai di pinoli tostati (15 g)
  • 1 cucchiaio uva sultanina (opzionale)
  • sale
Voti: 13
Valutazione: 3,31
You:
Rate this recipe!
Preparazione
  1. Preparate la scarola. Pulite la scarola eliminando le foglie esterne più dure, lavatela, asciugatela bene. In una padella capiente fate soffriggere leggermente l’olio con l’aglio. Aggiungete le olive denocciolate, capperi sciacquati, pinoli, e l’uvetta e fate insaporire per 1 minuto. Eliminate l'aglio ed unite la scarola, fatela appassire e portate a cottura, aggiustate di sale, togliete dal fuoco e fate raffreddare.
  2. In una capiente ciotola inserite la farina, il sale, il lievito, l'olio e l'acqua; mescolate velocemente con un cucchiaio o con le mani fino ad avere un impasto morbido e ben amalgamato. Si usa subito senza riposo.
  3. Imburrate e infarinate una teglia di 26 cm. Dividete l'impasto in 2 uno più grande ed uno leggermente più piccolo. Stendete direttamente in teglia con le mani l'impasto più grande. Farcite con la scarola eliminando il liquido in eccesso. Stendete l'altro impasto su piano leggermente infarinato. Coprite la scarola, piegate i bordi verso l'interno sigillando bene con i rebbi di una forchetta o come faccio vedere nel video. Bucherellate la superficie con una forchetta. Fate cuocere in forno preriscaldato ventilato a 180° per circa 40 minuti fino a quando è bella dorata. Sformate coprire con un panno di cotone, fate riposare 15 minuti e poi servite. E' ottima anche fredda.
Note
  • Potete prepararla in anticipo perché con il riposo diventa ancora più buona.

Dolce vita
Enrica

12 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.