Crema Mousseline alla vaniglia

ricetta-crema-mousseline-alla-vaniglia-ricetta-francese-Laduree

ad


La crema Mousseline alla vaniglia è semplicemente divina: cremosa, vellutata e scioglievole… insomma la crema perfetta per farcire torte a strati, Paris-Brest e tartellette con la frutta.
La crema mousseline è una preparazione tipica della pasticceria francese, una crema pasticcera montata con il burro, per nulla light ma buona come poche e cosa che non guasta è facilissima da fare; inoltre è anche gluten free.
La crema mousseline ha una consistenza ideale per farcire i dolci perché mantiene perfettamente la forma, senza sbavature, non teme il caldo e rimane sempre bella soda.
La ricetta che ho seguito è quella di Ladurèe che io ho conosciuto grazie alla mia amica Valentina, si sempre lei, ormai avrete capito che delle sue dolcezze mi stra fido.
Mi raccomando provatela così come ve la riporto e non spaventatevi per l’alta dose di burro perché è proprio “lui” che rende questa crema paradisiaca, corposa ma delicata e vellutata allo stesso tempo.
Ecco “vi vedo” che state pensando “la provo ma diminuisco la dose di burro”; non lo fate, non sarebbe più una crema mousseline, provatela così e mi ringrazierete, e poi ogni tanto peccare fa bene all’anima!

5.0 from 5 reviews
Crema Mousseline alla vaniglia
 
Tempo di preparazione
Tempo di cottura
Tempo totale
 
Autore:
Ingredienti
  • 250 g di burro morbido a temperatura ambiente
  • 1 baccello di vaniglia
  • 500 ml di latte
  • 4 tuorli
  • 150 g di zucchero semolato
  • 50 g di maizena
Preparazione
  1. Aprite il baccello di vaniglia e ricavate i semini. Versate il latte in una casseruola, unite i semini di vaniglia e il baccello, scaldate su fiamma media finché non inizierà a sobbollire. Spegnete il fuoco e coprite con un coperchio per circa 10-15 minuti in modo che la vaniglia rilasci la sua aroma.
  2. Sbattete i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso, aggiungete la maizena e continuate a mescolare con una frusta a mano.
  3. Togliere il baccello di vaniglia dal latte, scaldare nuovamente fino a farlo sobbollire.
  4. Versate un terzo del latte sul composto di uova e mescolate bene con una frusta; ora versate tutto nella casseruola con il latte aromatizzato e portate ad ebollizione sempre mescolando con la frusta.
  5. Quando la crema si sarà addensata, toglietela dal fuoco e lasciatela raffreddare per circa 10 minuti. Incorporate metà del burro tagliato a cubetti nella crema calda ma non bollente, mescolate energicamente con una frusta a mano.
  6. Versate la crema in un contenitore e coprite a contatto con pellicola alimentare.
  7. Quando la crema è a temperatura ambiente con uno sbattitore elettrico lavorate la crema in modo da renderla uniforme e incorporate l’altra metà di burro, continuate a sbattere fino ad avere una crema omogenea e cremosa.
  8. La crema mousseline alla vaniglia è pronta per farcire il vostro dolce.
come-fare-la-crema-mouselline-alla-vaniglia-ricetta-francese-ladureeNote:

  • Se la conservate in frigo ricordatevi di toglierla circa 30 minuti prima dell’utilizzo per farla tornare a temperatura ambiente e montatela nuovamente con una frusta per renderla vellutata.
  • Potete congelarla; una volta scongelata la montate con le fruste e l’utilizzate subito.

 

come-fare-crema-mousseline-alla-vaniglia-ricetta-francese-LadureeUna crema super cremosa e super goduriosa perfetta per farcire una torta buonissima e bella…curiose di scoprirla? Vi aspetto domani qui!!!

Dolce vita
Enrica

29 Comments

  • Annalisa ha detto:

    Sono d’accordo con te cara Enrica, il peccato di gola è meglio farlo poche volte ma farlo bene, senza stravolgere una ricetta perfetta! E’ davvero deliziosa questa crema, non vedo l’ora di provarla, ho bisogno di trovare una crema che nelle torte stia al suo posto senza crollare qui e là! ;)
    un grosso bacio!

    • Enrica Panariello ha detto:

      Annalisa questa è la crema perfetta per farcire i dolci e una volta provata non potrai farne più a meno…se dobbiamo peccare facciamolo come si deve ?
      Un abbraccio e ti aspetto domani qui.

  • patalice ha detto:

    come sempre un delizioso modo di trarci in tentazione…

  • paola ha detto:

    scioglievolegrazie per la golosità,felice weekend

  • Marta ha detto:

    “per nulla light ma buona come poche” ?

  • Esther ha detto:

    Ciao scusa ma se farcisci una torta poi va in frigo, la consistenza come rimane ?
    Complimenti per le tue belle ricette ! Ti seguo da un po di tempo e ne ho provato diverse
    Esther

    • Enrica Panariello ha detto:

      Esther a me piace tanto anche con il riposo perché la crema ammorbidisce un po’ la pasta choux e diventa un boccone godurioso.
      Solitamente mi organizzo in questo modo: giorno prima faccio crema e bignè e poi quando lo devo servire lo farcisco. Se avanza lo conservo in frigo e ti assicuro che anche il giorno dopo si mantiene ottimo.

  • Damiana ha detto:

    Non temere more, non ho intenzione di diminuire. Avevi dubbi? ???

  • Ippolita ortelio ha detto:

    Ciao ho intenzione di fare la torta mimosa e farcirla con questa crema devo aggiungere della panna montata o va bene anche cosi? Grazie

  • Alessandra ha detto:

    Ciao Enrica! Grazie grazie mille per questa ricetta, me la sono salvata in un lampo!
    Secondo te posso sostituire il latte normale con quello di soia o ottengo un risultato eccessivamente diverso?
    Buon inizio settimana! :)

  • Valentina ha detto:

    Mi godo solo ora questo post e ti ringrazio ancora tanto :) Felice che ti sia piaciuta, mi hai fatto venire voglia di rifarla :D :**

  • carolina ha detto:

    Ciao Enrica, ma non va bene nemmeno il latte senza lattosio? Dovrei farcire una torta ma ho necessità che sia a prova di lattosio. oggi ho provato con gli ingredienti normali e mi è venuta un po’ morbida, prende compatezza in frigo?
    Perchè speravo potesse farmi degli strati belli nella torta!
    Un bacio!

    • Enrica Panariello ha detto:

      Carolina vedrai che in frigo si compatta tantissimo perché c’è il burro, infatti prima di usarla la devi lavorare nuovamente. Non ho mai provato a farla senza lattosio quindi non so aiutarti.

  • Marcella ha detto:

    Ciao Enrica, questa dose è sufficiente per farcire una hot milk?
    Grazie Mille

  • Layla ha detto:

    Enrica help!!!
    Ho raddoppiato la dose la crema era perfetta…ma quando ho aggiunto l’altra metà di burro si è trasformata in una sorta di crema al burro che sa solo di quello…sono tristissima la consistenza é spettacolare ma appunto sa completamente di burro :(

    È proprio così o ho sbagliato io e non dovevo raddoppiare le dosi?

    Help me please

  • Coco ha detto:

    Ciao! Dovrei rifare la crema ma usando al posto dello zucchero lo Stevia. Va bene lo stesso? Se sì, in che quantità rispetto alla dose d zucchero da te indicata?
    Grazie

  • Angy ha detto:

    Ciao Enrica? come posso sostituire la maizena?? Grazie?

  • Chiara ha detto:

    Complimenti per il tuo blog. Ho fatto la Crema Mousseline. Non avendo la maizena, per la crema pasticciera ho usato la fecola di patate,ho seguito fedelmente la ricetta,ma dopo una notte di riposo in frigo era ancora morbida. Colpa della fecola ?

    • Enrica Panariello ha detto:

      Ciao Chiara non ho mai provato a realizzare la crema Mousseline con la fecola di patate ma temo che il potere gelitificante cambia totalmente rispetto all’amido, riprova seguendo la ricetta alla lettera e ti verrà cremosa e buonissima!

  • simona ha detto:

    Ciao, ti volevo chiedere se è possibile fare questa crema al cioccolato o al cacao? Grazie mille

  • M. Vittoria ha detto:

    Volevo provare da molto tempo la crema mousseline per farcire in modo diverso il pan di Spagna ma sinceramente girando sul web, non mi era molto chiaro il procedimento. Quando ho visto la tua ricetta, spiegata passo , passo l’ho provata subito: una bontà! grazie delle tue spiegazioni dettagliate e semplici. Complimenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rate this recipe:  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.