Casatiello dolce con lievito di birra

Il casatiello dolce è una ricetta della tradizione campana simbolo della Pasqua, oggi condivido con voi la ricetta per realizzarlo “senza criscito” (pasta di riporto fermentata)  e “senza strutto”, un casatiello facile e veloce ma ugualmente buonissimo!
Ho realizzato la ricetta di famiglia,”Casatiello Dolce ricetta tradizionale con criscito“, quella che in molti avete replicato con successo, stavolta però ho utilizzato solo lievito di birra in modo da renderlo più semplice e alla portata di tutti, i tempi di lievitazione ovviamente si dimezzano ed il risultato finale è veramente molto simile a quello tradizionale con criscito e strutto; il sapore caratteristico rimane invariato ma la mollica ha una consistenza più morbida e soffice.
Vi aspetto su Dolcidee con la ricetta completa di foto passo-passo per realizzare insieme il Casatiello dolce con lievito di birra; come farina ho usato solo farina forte W350 che trovate facilmente anche al supermercato altrimenti potete usare metà farina 0 e metà farina manitoba.
Se invece volete la ricetta che rispetta a pieno la tradizione campana qui trovate il casatiello dolce tradizionale; per chi è alla ricerca della versione salata provate il mio casatiello salato, grazie alla tecnica della sfogliatura risulta più leggero…il più buono mai provato!

 

Un casatiello sciuè sciuè che non delude le aspettative!

Dolce vita
?
Enrica

9 Comments

  • giuliana ha detto:

    Caspita quanto è alto e quanto è bello!!! Molto invitante!

  • Emanuela ha detto:

    Mia nonna beneventana lo chiamava “tortono”, lo faceva con uva passa e liquore strega…chissà se è lo stesso…
    Mia mamma da ieri lo sta facendo(con la lavorazione tradizionale)…che bei ricordi!

    • Enrica Panariello ha detto:

      Emanuela ma sai che non ho mai sentito parlare del tortano dolce? Conosco solo la versione salata che si differenza dal casatiello perché ha le uova al suo interno, sono certa che questo dolce che preparava tua nonna deve essere ottimo e sicuramente simile a questo, se ti fa piacere inviami la ricetta sono curiosissima di conoscerla…che bello quando un dolce parla di tradizioni e ricordi lontani.
      Buona Pasqua
      Enrica

  • Serena ha detto:

    Sontuoso è la parola esatta solo a guardarlo viene voglia di tuffarcisi, non sapevo esistesse una versione dolce del casatiello grazie a te ho scoperto una cosa nuova! Molto bello. Un abbraccio grande

  • Simo ha detto:

    Mai provato, deve essere fantastico…adoro queste delizie della tradizione!!!
    Un abbraccio cara e buona Pasqua ?

  • Barbara ha detto:

    É fantastico le ricette Partenope solo eccezionali. Grazie di farci godere di queste bontà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.