Migliaccio di Carnevale napoletano

Il migliaccio è un dolce che si usa fare a Napoli nel periodo di Carnevale.
Tra chiacchiere e castagnole lui si distingue per essere un dolce carnevalesco non fritto.
E’ a base di ricotta e semolino e ricorda tantissimo il sapore della pastiera napoletana e della sfogliatella. Un dolce economico, facile da fare, umido e delicato porterà subito un raggio di sole in tavola con il suo colore. Questa ricetta è di un’amica di famiglia, bravissima in cucina. E’ differente dalle ricette solite perché ha meno semolino e gli albumi vengono montati a neve; questi 2 piccoli accorgimenti rendono questa torta cremosa e leggera al palato.

Migliaccio napoletano

stampo 24 cm + stampo 16cm altrimenti stampo unico da 26
500 ml di latte intero
50 g di semolino
50 g di burro
300 g di ricotta di pecora freschissima
250 g di zucchero
3 uova
un pizzico di sale
buccia grattugiata di un limone bio
buccia grattugiata di un’arancia non trattata
1 fiala di fior d’arancio
un cucchiaino di estratto di vaniglia

Bollite il latte con il burro e un pizzico di sale. Versate a pioggia il semolino e fate cuocere fino a quando non assorbe tutto il latte mescolando con una frusta. Fatelo raffreddare bene.
Separate i tuorli dagli albumi. Montate i tuorli con lo zucchero, aggiungete la ricotta setacciata, gli aromi, la crema di semolino ormai fredda e per finire incorporate gli albumi montati a neve ferma dall’alto verso il basso. Versate il composto in uno stampo imburrato e infarinato e cuocere a 180° per circa 1 ora, deve essere bello dorato, farlo raffreddare nel forno spento con sportello semi aperto. Cospargere di zucchero a velo.
Conservatelo in frigo e gustatelo dopo 24 ore in modo che i sapori si amalgamino alla perfezione.

ad

Dolce vita
Enrica

43 Comments

  • Dolci a gogo ha detto:

    Tesoro lo conosco benessimo questo migliaccio ed ho in programma di prepararlo domani tra una lasagna e un secondo non può di certo mancare!!Io faccio sempre la ricetta di mia nonna ma questa volta cambierò e proverò la tua ha un aspetto decisamente invitante!!Bacioni grandi e tvbbbbbb <3
    Imma

    • chiarapassion ha detto:

      Imma per me è un vero onore sapere che proverai la mia ricetta, grazie infinite per la fiducia e poi fammi sapere se ti è piaciuto, ti abbraccio e anche tu sei entrata nel mio cuore, ci dobbiamo assolutamente conoscere.

  • Federica ha detto:

    Non so da quanto tempo rimando questo dolce, accidenti! Mi attira tantissimo come tutti i dolci con la ricotta. Anche se ormai carnevale è agli sgoccioli, non credo se ne avrà a male qualcono se lo preparo "in ritardo" :)
    Mi salvo la ricetta. Un bacio, buona settimana

    • chiarapassion ha detto:

      Federica Carnevale domani finirà ma questa bontà è buona sempre anzi ti consiglio di farla e aggiungere anche un guscio di frolla in moda da sembrare quasi una pastiera…fammi sapere.

  • Simona Roncaletti ha detto:

    Ciao Enrica!!!!! Non conoscevo questo dolce!!!! Non amo frittelle e chiacchiere….ma questo mi fa impazzire!!!!!!!!:) un bacione cara! Buona settimana!!!

  • Chiara DAcunto ha detto:

    Mi piacciono tantissimo queste consistenze! Che meraviglia! Aspetto le lasagne…a presto! Buona settimana!

  • Ely Mazzini ha detto:

    Ciao Enrica, non conoscevo questo dolce, ma ha un aspetto davvero delizioso, credo mi piacerebbe molto!!!
    Brava, ottima ricetta!!!
    Buon lunedì…

  • Ale ha detto:

    ma che buono questo migliaccio! mi ispira davvero tantissimo, ma tu Enrica non ti smentisci mai!

  • Patty Patty ha detto:

    Buonissimo!!! Nun me fà mal, ma lo sai che per la prima volta l'ho mangiato sabato pomeriggio? Ho fatto una festicciola a casa per le bambine e la mia amica me lo ha portato… buonissimo!! Naturalmente ora farò la tua versione spacciandolo per mio… che dici?
    Ah, Enrica, questo mese la raccolta Panissimo la ospito io e mi farebbe tanto piacere che anche tu mi portassi qualche bel lievitato, che sia una delizia pasquale o no… mi accontenti' :D
    Un bascione e buona settimana! <3

  • Non l'ho mai provato ma l'aspetto è veramente invitante!
    Molto belle anche le foto!
    Un abbraccio! :)

  • Valealcioccolato ha detto:

    Mai assaggiato, ma ho l'acquolina! I dolci con la ricotta mi piacciono un sacco :) Un bacio :*

  • Che foto meravigliose cara Enrica! e da buona napolentana fuori sede come te, ti dico anche che sono stracontenta di questo oscar :). E' tanto che non mangio il migliaccio, che voglia di provarlo…..mi metto il grembiule appeno torno a casa! Un abbraccio

  • Sugar ha detto:

    Buongiorno Enrica e, ma sai che è un dolce che, pur essendo napoletana, non ho mai fatto? Volevo farlo ieri, ma visto che tu avevi anticipato che oggi avresti pubblicato un dolce carnevalesco della nostra Napoli, ho sperato tanto che fosse proprio il migliaccio. Che dire sono stata fortunata, perchè il tuo migliaccio è davvero troppo bello. Mi piace questa cosa degli albumi montati.
    Che belle le tue tavole azzurre e che dire della vecchia caffettiera? Tutto bellissimo, compresa te! :-)

  • Giuliana Manca ha detto:

    In attesa della tua lasagna prendo una fetta di migliaccio!!!!!!!

  • Ciao Enrica
    Ho fatto anch'io il migliaccio, ho postato sabato…. sono venuta a vedere la tua versione…
    Ho fatto leggermente diversa. ma é troppo buono. brava.
    La prossima volta provo la tua versione.
    Un abbraccio.
    Thais

  • Isabella M. ha detto:

    Io non l'ho mai mangiato e mi incuriosisce veramente molto,annoto tutto e lo provo di certo tanto questo dolce si puo' mangiare anche se il carnevale e' finito ;)
    Quale deve essere il diametro dello stampo per questa dose? Grazie e buona settimana :-)

  • Mirtillo E Lampone ha detto:

    Ha un aspetto che vorrei tanto potermi gustare…bello e buono, come te e la tua foto di Roma…e la vittoria di Sorrentino :)
    Un bacione tesoro!

  • Enri, non conoscevo il migliaccio napoletano. l'ho conosciuto quest'anno con le foto delle bloggers. Sul tuo mi soffermo prima di tutto perché mi piacciono tantissimo le foto e poi perché sei la mia amichetta:-) bacinibacini

  • Sono sicura che questo dolce mi farebbe impazzire…mangiato sulla terrazza di Gepi Gambardella sarebbe poi l'apoteosi. Me lo segno e appena trovo una ricotta di pecora decente ( da queste parti cosa non semplice lo faccio!)… il giardino dei Cavalieri della Legione di Malta é a mio avviso uno dei posti più suggestivi di Roma. La prima volta l'ho visto al tramonto, sono rimasta in silenzio per almeno 20 minuti… anche questa cosa non semplice!

  • La cucina di Esme ha detto:

    Non ci crederai ma con una suocera napoletana in tanti anni non l'ho mai assaggiato, ma sembra delizioso per cui copio e proverò!
    baci
    Alice

  • Barbara Baccarini ha detto:

    Ma se ti dico che non lo conoscevo e nemmeno l'ho mai assaggiato mi credi?
    Mi sa che lo tengo in memoria per l'anno prossimo se è un dolce tipico del Carnevale!!
    Come sempre bellissime foto…un abbraccio grande!

  • Morena ha detto:

    Il migliaccio mi ricorda la mia cara nonna che purtroppo non c'è più… lei lo faceva ogni anno e lo distribuiva a tutti… Io ho provato a rifarlo ma non era uguale al suo… sai, le nonne facevano tutto "a occhio" e non sono riuscita a recuperare la ricetta dettagliata… Proverò la tua, magari è quella giusta!

  • Sembra davvero squisita! Non la conoscevo, dovrò rimediare prestissimo!!! Bellissima la foto di Roma, una splendida città e ovviamente contenta per l'oscar a Sorrentino! ;*

  • Daniela Tornato ha detto:

    Non conoscevo questo dolce, solo all'idea che il sapore sia simile ad una sfogliatella mi fa venire l'acquolina in bocca… Enri tu mi tenti sempre con le tue belle ricette… un abbraccio Dani :)

  • Elena Siano ha detto:

    Nonostante ne abbia mangiato a casa di amiche non mi sono mai cimentata a farlo il migliaccio…questa tua amica è stata carina a darti la sua ricetta ;)

  • Valentina ha detto:

    Ciao tesoro :) Io adoro il migliaccio ed è anche uno dei dolci preferiti dalla mia mamma <3 Il tuo è a dir poco invitante, foto stupende e acquolina a mille! :D Bravissima! Un abbraccio forte forte forte, buonanotte <3

  • Simona Mirto ha detto:

    Ecco Enry, ma sai che io il migliaccio non l'ho mai provato? nonostante le mie origini partenopee non ho mai assaggiato questo dolce… un sacrilegio lo so… ogni anno mi ripropongo di tirare fuori le ricette di famiglia e mettermi all'opera.. ma la verità è che io sono per chiacchiere e frittelle… :D però ti confesso che quella fetta in bella vista mi fa ricredere:) come sempre i miei complimenti:*

    • chiarapassion ha detto:

      Simo io non amavo questo dolce fino a quando non ho provato questa ricetta che rispetto alle altre contiene meno semolino e quindi risulta un dolce più morbido e umido. Tu però ti tratti benissimo con chiacchiere e frittelle <3

  • Viviana Aiello ha detto:

    Devo proprio provarlo! Sai che non ho mai mangiato la pastiera?? Credo che sia fenomenale! Chissà che prima o poi riesca a mangiarla lì dove è nata!
    NOn devo assolutamente perdermi questa ricettina invece.
    Un bacionissimo Enrica!

    • chiarapassion ha detto:

      Vivi la pastiera se fatta bene è eccezionale, io amo quella di Bellavia una nota pasticceria napoletana mentre la sfogliatella doc è quella di Attanasio a piazza Garibaldi, segnati questi due nomi e se passi per Napoli prova e vedrai che bontà.

  • Elena Zanfino ha detto:

    {rtf1ansiansicpg1252
    {fonttblf0fnilfcharset0 ArialMT;}
    {colortbl;red255green255blue255;red34green34blue34;red255green255blue255;}
    deftab720
    pardpardeftab720partightenfactor0

    f0fs26 cf2 cb3 expnd0expndtw0kerning0
    outl0strokewidth0 strokec2 Ciao e complimenti per il blog! Interessantissima la ricetta che vorrei provare! Una sola domanda, non mi 'e8 chiarissimo il passaggio dalla crema al semolino all'impasto con le uova ovvero all'assemblaggio dei due passaggi… Scusa ma anche per me e la prima volta che sento parlare di questo dolce… }

  • chiarapassion ha detto:

    Ciao Elena piacere di conoscerti ho corretto la ricetta mancava il passaggio in cui aggiungevo la crema di semolino grazie per avermelo fatto notare.
    Separi i tuorli dagli albumi. Monta i tuorli con lo zucchero, aggiungi la ricotta setacciata, gli aromi, la crema di semolino ormai raffreddata e per finire incorporate gli albumi montati a neve ferma dall'alto verso il basso. Metti nella teglia imburrata.

  • Non conoscevo questo dolce, ma sono davvero incuriosita. Copio e incollo tra le ricette che devo assolutamente provare!

  • Federica Simoni ha detto:

    non conoscevo questo dolce ma solo a vederlo mette un'acquolina!!!!! Lo segno a presto <3

  • Serena ha detto:

    Grazie per questa ricetta, fra le diverse provate è quella che mi ha soddisfatto di più, così oggi è finita sul mio blog ma la tua resta ineguagliabile. Un saluto

  • Serena ha detto:

    Il migliaccio per la mia nonna napoletana è solo quello con spaghetti/reginette, ma io voglio provare questa versione e la tua ricetta è sicuramente una garanzia ??? Domani lo proverò, ma per farlo così sottile serve la tortiera da 26 cm? Perché non lo vorrei alto..

Rispondi a Morena Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.