Crostata salata con ricotta, speck e parmigiano

 Crostata con ricotta, speck e parmigiano una torta salata saporita e perfetta per i vostri buffet e le cene veloci.
 Semplici, gustosa e facile da fare; è un piatto che risolve mille situazioni e che piace sempre a tutti.

 

Se non avete voglia d’impastare la brisée usate la sfoglia che trovate nel banco frigo, se invece avete a disposizione un po’ di tempo, provate la ricetta della pasta brisée di Michel Roux e sono certa che non ve ne pentirete. Accompagnate questa crostata con della buona verdura di stagione e la vostra cena sarà sana e completa.
Buon lunedì a tutti
Enrica

 

Crostata salata con ricotta, speck e parmigiano

Pasta Brisèe  Michel Roux
250 g di farina 00
150 g di burro 
1 uovo
un cucchiaino raso di sale
un pizzico di zucchero
un cucchiaio di latte freddo


Ripieno
500 g ricotta di pecora freschissima
3 cucchiai di parmigiano reggiano
1 uovo
80 g speck
pepe

 

Nella planetaria unire la farina con il burro tagliato a pezzetti, il sale, lo zucchero e mescolare bene, aggiungere l’uovo sbattuto ed il latte. Formare una palla, avvolgerla nella pellicola e mettere in frigo per circa 1 ora.
Preparare il ripieno mescolando in una ciotola la ricotta con il parmigiano reggiano, il pepe e un tuorlo, conservare l’albume per spennellare la crostata.
Prendere la brisèe dal frigo e stenderla ad un spessore sottile di circa 3 mm. Foderare uno stampo da 22 cm con carta forno e stendere la pasta, coprirla con metà delle fette di speck, unire il ripieno di ricotta, livellare bene con il dorso di un cucchiaio e posizionare sopra le restanti fette di speck. Stendere parte della brisèe e creare delle strisce con un tagliapasta, adagiatele sulla superficie dello stampo incrociandole in modo da creare delle losanghe , spennellare con l’albume.
Infornare in forno preriscaldato a 180° per circa 35-40 minuti fino a quando non è bella dorata.

 

Con le dosi di questa brisée vi avanzerà un po’ di pasta che potete utilizzare per fare delle tartellette o la potete congelare.

 

53 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *